Occorre ripristinare legalità all’interno del nostro istituto carcerario

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email

Il PD Biellese legge con sconcerto e indignazione gli ultimi fatti riguardanti il nostro istituto carcerario.

Purtroppo da anni riceviamo notizie poco rassicuranti che provengono dal carcere di Biella, veniamo a conoscenza di condotte vessatorie perpetrate ai danni dei detenuti da parte di chi è deputato dallo Stato e dal Ministero della Giustizia.

Sin dal 2018, con la precedente amministrazione penitenziaria e la precedente Direttrice, sono stati denunciati e condannati atti e fatti che hanno coinvolto numerosi agenti e la Direttrice stessa.( come si legge sui giornali dell’epoca)

Negli anni, gli agenti hanno denunciato la carenza di personale all’interno del carcere, tuttavia” pare “che nessuno si sia mai preoccupato di denunciare la commissione di fatti contrari alla legge da parte degli agenti o del personale in servizio.

Leggendo i giornali si apprende che 12 agenti sono stati denunciati e avviati a processo per spaccio di droga e minacce ai danni dei detenuti.

Ultima  la notizia , sempre riportata dai giornali,di tamponi dell’ASL destinati ai detenuti utilizzati dalla responsabile dell’infermeria (novax sospesa) per sottoporre a tamponi gratuiti agenti, loro familiari (entrati peraltro abusivamente in carcere) educatrice, personale infermieristico e la stessa Direttrice.
Chiediamo che venga fatta chiarezza sull’accaduto perché se tutto quanto fosse confermato, sarebbe riprovevole che in un Istituto carcerario, nel quale dall’inizio della pandemia i detenuti non hanno potuto avere alcun contatto con i propri famigliari, si sia permesso l’accesso ad intere famiglie di agenti, compresi minori, in totale spregio della legge e solo per consentire a queste persone di aggirare le normative Covid, di non vaccinarsi e di sottoporsi a tamponi gratis.

Noi PD Biellese  chiediamo che per queste condotte vengano dati immediati chiarimenti e accertamenti di responsabilità. Nel mentre si chiede un commissariamento dell’Istituto carcerario di Biella per ripristinare finalmente la legalità al suo interno.