I 100 giorni della segreteria provinciale e cittadina.

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email

Sono convinto del fatto che ogni progetto politico del nostro Partito debba partire oggi dall’esame di quella che è l’attuale condizione di Biella e del biellese per poter immaginare e proporre un futuro nuovo e di rilancio del territorio.

Quello del Partito democratico è un progetto che da molti mesi sta interpretando la società,     non     limitandosi     a     registrare     solo     i     fatti     e     gli     avvenimenti. In un solo anno, per parlare di numeri, abbiamo incontrato 36 associazioni di categorie e non, coinvolto 10 parlamentari su progetti e dibattiti, più di 50 amministratori, più di 100 coperture giornalistiche e circa 50 riunioni “a distanza” organizzate durante il lock down per accompagnare le istanze delle persone.

Le nuove segreterie provinciali e cittadine, spiega Chiola, hanno intenzione di proporre un nuovo paradigma.

Il     PD     è     già      il      baricentro      di      un’area      politica      di      centrosinistra. Noi intendiamo aprirci a tutte le forze e personalità che sono contro questa destra locale e territoriale: sarà difficile però ottenere questo risultato se non saremo in grado di allargare il dialogo ed il confronto con tutte le forze politiche del centro-sinistra, per realizzare una convergente piattaforma di lavoro e, possibilmente, di ricostruzione.

Abbiamo promosso la formazione di una nuova classe dirigente che oggi è già al lavoro per spendersi nelle prossime sfide elettorali del capoluogo e nelle sfide provinciali. Non dimentichiamo il grande lavoro che i circoli stanno svolgendo a Cossato, in Valdilana, nel basso biellese ed altri territori. Per questo siamo certi che la rappresentanza generazionale sarà il segno di questo effettivo cambiamento.

Se oggi siamo a questo punto è per il fatto che abbiamo saputo fare al nostro interno una giusta e sana autocritica: ora il progetto è il futuro e la Biella del 2030.

Il concetto che Letta porta avanti con le Agorà e quello di non lasciare il PD in un aureo isolamento, carico di valori e rivendicazioni storiche, ma di metterlo al centro di un perimetro che comprenda il centrosinistra e tutte quelle forze civiche che si oppongono alle politiche portate avanti dalla destra che quotidianamente si dimostra senza una linea programmatica e molto solerte nel cambiare idee e direzioni. Questo sia a livello locale che nazionale.

Raccogliere qui a Biella queste forze attorno un programma che metta insieme le sfide su: clima, risparmio energetico, difesa idrogeologico del territorio, con il rilancio della città sui temi del commercio e dell’artigianato, di una nuova visione manifatturiera che metta in discussione    analisi    troppo    ottimistiche    su    una    globalizzazione    senza    limiti. In questo contesto il PD è pronto a riprendere il discorso, non solo accademico, dello sviluppo della spina est della città (via Carso, via Repubblica, vecchio Ospedale) ricordando quanto predicava Gae Aulenti quando preconizzava lo sviluppo della città verso la sponda del Cervo. Riprendere il discorso, ora interrotto, di legare al centro di Biella le periferie, fatte di rioni e quartieri spesso con loro storie particolari, vissute nei decenni e

secoli scorsi, perché comuni autonomi o perché lontani dal centro politico e amministrativo. Un progetto armonico per legare meglio la città con l’oltre Cervo (Chiavazza, Pavignano, Vaglio) ma anche con i rioni della Valle dell’Oropa e dell’Oremo.

E’ necessario tornare a rileggere il Paesc del 2018, apportarne i miglioramenti dettati dall’evoluzione dei tempi e applicare i fondi Pnrr alle varie dinamiche e visioni dei bandi sui temi della digitalizzazione, della transizione ecologica, del miglioramento dei servizi, per tornare a vivere una città più a norma di cittadino con le sue piccole grandi esigenze.

E questi concetti applicarli in città e anche nei principali centri della Provincia. Il Biellese ha esigenze concrete di mobilità (strade, marciapiedi senza barriere architettoniche, piste ciclabili, servizi pubblici) e di molti altri servizi essenziali di welfare comunale e sanità pubblica.

Rinaldo Chiola
Segretario provinciale PD Biellese

Sergio Leone
Segretario circolo PD Biella